Contatto

Menu

Articolo

L’irresistibile fascino del private asset

Con l’avvento della pandemia i mercati pubblici sono precipitati. Gli investitori amano i profitti prevedibili a breve termine e le certezze strategiche. Il COVID-19 non offriva nessuna delle due cose. L’ambito del private asset, per contro, è molto diverso. In esso viene premiata la perseveranza. E vi è una minore esposizione alle reazioni emotive estreme frequenti nel breve termine nei mercati pubblici.

12 aprile 2022

Innanzitutto, permetteteci di spiegare in cosa consiste il private asset e cosa può offrire. Comprende fondi di buy-out, debito privato, private equity, venture capital, immobili privati e così via. Si tratta essenzialmente di opportunità d’investimento che non sono disponibili attraverso i mercati pubblici. I gestori di portafoglio che investono in questo settore mirano ad accedere a una fonte di rendimenti alternativa che non sussisterebbe se tali valori fossero negoziati tutti i giorni. Pongono spesso l’attenzione su problemi operativi che, se risolti, potrebbero premiare gli investitori. Ciò potrebbe comportare la digitalizzazione del business attraverso un aggiornamento dei sistemi IT, oppure la riduzione o il rinnovo della gamma di prodotti offerti, o ancora, la chiusura di una divisione in perdita o l’indirizzamento dell’attività verso fonti di reddito più interessanti.

L’elemento interessanti di questi investimenti deriva dal fatto che sono meno esposti alla volatilità di breve termine tipica dei mercati pubblici. Sebbene ciò ne riduca la liquidità, in genere i gestori di portafoglio che investono in essi si preoccupano più dei fondamentali a loro sostegno. Il loro obiettivo è beneficiare del valore e del potenziale di crescita di questi investimenti nel lungo termine.

Gli investitori stanno già aumentando la loro allocazione in private asset

Secondo il CIO Sentiment Survey del 2021 elaborato da top1000funds.com, molti investitori istituzionali stanno aumentando la propria allocazione in private asset. Sulla base dei risultati di tale inchiesta, gli investitori risultano oggi più disposti a pagare un premio di illiquidità e a impegnare il proprio denaro più a lungo come richiesto da tali strumenti.

Nel decennio trascorso, due importanti fattori hanno avuto buon gioco nello spingere gli investitori verso le attività private. Il primo consiste nei cambiamenti delle modalità secondo cui essi costruiscono i propri portafogli. Il secondo riguarda invece le ampie migliorie apportate all’infrastruttura regolamentare, in particolare nelle giurisdizioni più importanti, come il Lussemburgo.

Gli investitori stanno spostando le allocazioni verso il private asset

Gli investitori stanno spostando le allocazioni verso il private asset

Fonte: 2021 Sentiment Survey, top1000funds.com

L’ascesa degli investimenti con premio al rischio

Da qualche tempo gli investitori stanno riducendo il proprio interesse per l’asset allocation tradizionale. Molti costruiscono i propri portafogli utilizzando fonti singole di premio al rischio invece di focalizzarsi sulle più ampie classi di investimento tradizionali.

I tassi d’interesse straordinariamente bassi hanno alimentato questo trend, inondando di liquidità i mercati pubblici e causando una forte inflazione dei prezzi delle attività in tutte le classi. Di conseguenza, i rendimenti tra le varie classi sono diventati più correlati, riducendo i vantaggi di diversificazione dell’asset allocation tradizionale. Questo ha portato gli investitori a cercare fonti di premio alternative e meno correlate, orientandosi verso le questo segmento. 

I progressi fatti nell’infrastruttura dei fondi

Un’altra ragione per cui gli investitori sono più disposti a investire in private asset è l’evoluzione del contesto regolamentare, con le conseguenti migliorie apportate all’infrastruttura dei fondi. Tale progresso ha reso le attività private molto più appetibili per gli investitori istituzionali.

Il Lussemburgo è un esempio interessante. Sono state effettuate consistenti modifiche all’infrastruttura dei fondi lussemburghesi in relazione alle attività private, determinate perlopiù da variazioni nel quadro regolamentare europeo. Successivamente l’autorità di regolamentazione del Lussemburgo ha concesso l’autorizzazione a oltre 267 gestori di fondi di investimento alternativi (in una sigla, GEFIA) e ulteriori 600 sono stati registrati.

Il settore immobiliare, il private equity e il debito privato hanno da allora registrato un forte aumento in termini di patrimonio gestito. Nel 2020 l’immobiliare è andato incontro a una crescita del 7,2% con AuM pari a 88,2 miliardi di euro. Nel contempo, il controvalore degli investimenti in private equity ha toccato quota 148 mia, il che corrisponde a una crescita anno su anno del 19% alla fine di settembre 2021. Per quanto riguarda il debito privato, la crescita in termini di patrimonio gestito è stata del 14,5%, raggiungendo un livello di oltre 59 mia1.

Il Lussemburgo offre un’ampia gamma di veicoli d’investimento

Il Lussemburgo offre un’ampia gamma di veicoli d’investimento

Fonte: Alternative investment and private assets, Association of the Luxembourg Fund Industry.

*possono essere soggette alla normativa GEFIA

Tali miglioramenti nell’infrastruttura regolamentare hanno portato a un significativo aumento di scelta e trasparenza per chi investe in private asset. Gli offerenti di fondi possono lanciare più velocemente prodotti sul mercato utilizzando le varie strutture regolamentari e i vantaggi del passaporto europeo introdotti con la direttiva sui gestori di fondi d’investimento alternativi (AIFMD).

I fondi d’investimento specializzati (SIF) ne sono un esempio. Tale struttura è tipicamente utilizzata per fondi immobiliari e di private equity e richiede l’approvazione del regolatore. I fondi d’investimento alternativi riservati (RAIF) ne rappresentano un altro. In questo caso, ad essere regolati non sono i fondi in sé ma i loro gestori. Uno dei loro punti di forza è che i gestori regolati possono lanciare fondi molto più velocemente rispetto alla struttura SIF.

Infine, vi è la struttura a partnership che riflette la tradizionale struttura LP/GP, molto comune negli investimenti in attività private. Tali strutture sono, ad esempio, preferite dai gestori patrimoniali anglosassoni, in quanto consentono di replicare in modo facile fondi paralleli gestiti oltreoceano. Tuttavia, la struttura di per sé è non regolata; nominando un gestore regolato è possibile ottenere il passaporto AIFMD e distribuire in Europa.

Considerazioni finali

L’attrazione verso il private asset è stata determinata da una combinazione di cambiamenti nel contesto degli investimenti e una migliore regolamentazione. La tecnologia ha a sua volta giocato un ruolo importante, assieme a soluzioni innovative che hanno reso tali attività più accessibili.

Per questo segmento il futuro è roseo. Soddisfano esigenze e desideri importanti per gli investitori. Il mercato è oggi molto più liquido e accessibile che in passato. Tali fattori hanno conferito agli investimenti in private asset un fascino irresistibile.

Daniela Klasen-Martin

Nel lungo periodo

I criteri ambientali, sociali e di governance (ESG) orientano il comportamento degli investitori di tutto il mondo. Le loro priorità e preferenze possono cambiare in modo molto dinamico. I principi decisionali di lungo periodo e le soluzioni d’investimento con solide basi sono più importanti che mai.

Contattateci

Contattateci per richiedere informazioni sulle opportunità d’investimento e scoprire in che modo possiamo aiutarvi a realizzare i vostri obiettivi d’investimento. 

1 ALFI Real Estate Investment Funds Survey

Questo materiale è stato redatto da CREDIT SUISSE GROUP AG e/o dalle sue società affiliate (“Credit Suisse”).
Viene fornito unicamente a scopo informativo e illustrativo, non costituisce alcuna forma di pubblicità, valutazione, ricerca d’investimento, ricerca di raccomandazioni, raccomandazioni d’investimento o informazioni al fine di raccomandare o suggerire una strategia d’investimento e non contiene analisi finanziarie. Inoltre non rappresenta un invito o un’offerta al pubblico o a privati a sottoscrivere o acquistare prodotti o servizi. Nell’ottica summenzionata, i benchmark sono impiegati unicamente a scopo comparativo. Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite esclusivamente in qualità di commento generale e non costituiscono in alcun modo forme di raccomandazione personale, consulenza d’investimento, consulenza o raccomandazione legale, fiscale, contabile o di altro tipo né alcuna altra forma di servizio finanziario. Il presente documento non prende in considerazione gli obiettivi d’investimento, la situazione o le esigenze finanziarie ovvero le conoscenze e l’esperienza di qualsivoglia persona. Le informazioni fornite non sono intese in nessuna forma come base sulla quale effettuare decisioni di investimento, cessione o conservazione di attività. Credit Suisse raccomanda a ogni persona potenzialmente interessata agli elementi descritti nel presente documento di richiedere informazioni e consulenze pertinenti (che includano i rischi, senza limitarsi ad essi) prima di prendere qualsiasi decisione d’investimento.
Le informazioni contenute nel presente documento sono fornite contestualmente al momento della redazione e potrebbero non risultare più aggiornate al momento della loro ricezione o del loro accesso da parte del lettore. Sono soggette a variazioni in qualsiasi momento senza preavviso o obbligo di aggiornamento.
Ove il presente materiale contenga affermazioni sulle performance future, queste hanno natura previsionale e sono soggette a rischi e incertezze. È importante notare che rendimenti storici, performance passate e scenari dei mercati finanziari non sono indicatori affidabili per i redditi futuri. È sempre possibile subire perdite significative.
Questo materiale non è rivolto né pensato per essere distribuito o utilizzato da qualsiasi persona o entità che sia cittadino o residente o che si trovi in qualsivoglia giurisdizione nella quale tale distribuzione, pubblicazione, disponibilità o utilizzo siano contrari alla legge o ai regolamenti applicabili o sottopongano Credit Suisse a qualsivoglia requisito di deposito o licenza all’interno di detta giurisdizione.
Il destinatario è informato circa la possibile esistenza di una relazione commerciale tra l’entità legale a cui si fa riferimento nel presente documento e un’entità facente parte di Credit Suisse e circa l’impossibilità di escludere l’insorgenza di potenziali conflitti d’interesse da detta relazione.
Questo documento è stato preparato da fonti ritenute attendibili da Credit Suisse, ma non viene fornita alcuna garanzia in merito alla loro correttezza o alla loro completezza.
Credit Suisse può fornire, o aver fornito nei 12 mesi precedenti, consulenze significative o servizi d’investimento relativamente a qualsiasi società o emittente menzionati.
Il presente documento potrebbe fornire gli indirizzi di o contenere hyperlink a siti web. Credit Suisse non ha esaminato i siti a cui rimandano tali link e declina ogni responsabilità rispetto ai relativi contenuti. Tali indirizzi o hyperlink (compresi indirizzi o hyperlink al materiale del sito web di Credit Suisse) sono forniti unicamente a scopo di fruizione e informazione del cliente e il contenuto dei siti a cui rimandano tali link non è da ritenersi in alcun modo parte del presente documento. L’accesso a tali siti web o la consultazione di detti link presenti in questo documento o sul sito web di Credit Suisse avviene a proprio rischio e pericolo.
Il presente documento è concepito esclusivamente per il destinatario a cui Credit Suisse si rivolge. Non ne è consentita la riproduzione, totale o parziale, senza previa autorizzazione scritta da parte di Credit Suisse.
Copyright © 2022 Credit Suisse Group AG e/o sue affiliate. Tutti i diritti riservati.