Contatto

Menu

Articolo

Obbligazioni convertibili e tassi d’interesse in rialzo

L’inflazione è tornata e probabilmente segna anche la fine della politica monetaria ultra-espansiva. In fasi di mercato come queste le obbligazioni convertibili fanno registrare un andamento sorprendente.

8 aprile 2022

Da alcuni mesi gli indici dei prezzi al consumo sono in aumento in tutto il mondo. In parte ciò può essere attribuito a effetti temporanei, come ad esempio le difficoltà della logistica. Non mancano tuttavia elementi, come la decarbonizzazione dell’economia mondiale o il riorientamento delle catene di distribuzione globali frutto delle attuali tensioni geopolitiche e della pandemia, per pensare che l’inflazione sia tornata per restare.

La nuova fase dei mercati finanziari

Nonostante la guerra in Ucraina, negli USA per quest’anno gli analisti prevedono una serie di aumenti dei tassi d’interesse. Gli investitori sono già entrati nell’ottica della nuova realtà e hanno venduto i titoli di Stato, con conseguente forte aumento dei rendimenti. I più colpiti sui mercati azionari sono i titoli growth, che oggi vedono diminuire in proporzione le stime dei loro utili futuri. Ma come si comportano le obbligazioni convertibili? Nella variante di base questi titoli consistono in un’obbligazione con opzione di conversione in un determinato numero di azioni.

Le obbligazioni convertibili posso riservare sorprese

Per via del carattere ibrido delle obbligazioni convertibili, non è sempre facile capire come si comporteranno in un contesto di rialzo dei tassi d’interesse. Abbiamo dato uno sguardo al passato, analizzando l’andamento di questi titoli nelle fasi rialziste dei tassi, a partire dall’introduzione del Refinitiv Global Convertible Bond Index, il 1o gennaio 1994. Da quel momento sono stati dieci i periodi in cui i titoli di Stato decennali statunitensi hanno realizzato un incremento superiore all’1%. Abbiamo inoltre aggiunto anche l’ultima fase, malgrado l’aumento corrente dei tassi sia solo dello 0,55%. Non sorprende constatare come in questi periodi i risultati dell’indice globale delle obbligazioni (composto principalmente da titoli di Stato e obbligazioni societarie investment grade) siano stati tendenzialmente negativi, dato che i premi al rischio di credito inferiori non sono quasi mai riusciti a compensare l’aumento dei tassi d’interesse.  Le obbligazioni convertibili hanno invece sorpreso positivamente. In nove periodi su undici hanno realizzato una buona performance del 9,5% in media, raggiungendo quasi quella delle azioni globali. I principali motivi di questo successo risiedono, da un lato, nella duration inferiore delle obbligazioni convertibili rispetto ad altri strumenti a reddito fisso e, dall’altro, nella loro affinità con le azioni. L’elevata partecipazione all’andamento delle azioni, pari a oltre il 90%, è dovuta a vari aspetti, come la vantaggiosa dinamica del mercato primario o anche la variabilità della performance delle azioni sottostanti, particolarmente marcata in questa fase. Il che, unito al profilo di rischio asimmetrico delle obbligazioni convertibili, rappresenta una premessa favorevole.  Nell’attuale fase di rialzo dei tassi d’interesse gli effetti positivi non sono ancora manifesti. I responsabili sono prima di tutto le turbolenze dei mercati finanziari a seguito della guerra in Ucraina, unitamente al notevole peso del settore tecnologico orientato alla crescita sulle obbligazioni convertibili. Ciò offre un’opportunità di ingresso su valori più bassi. 

Due motivi depongono dunque a favore di un investimento: il contesto storico positivo tra tassi d’interesse in aumento e performance della classe di attivi e i prezzi di acquisto inferiori rispetto al T4 2021.

Fonte: Credit Suisse
Dati al 28.02.2022
I dati storici sulla performance e gli scenari dei mercati finanziari non sono indicatori affidabili per i rendimenti futuri. Non è possibile investire in indici. I rendimenti degli indici indicati non rappresentano i risultati di effettive transazioni di attivi/titoli investibili. Gli investitori che mirano a una strategia simile a quella degli indici potrebbero sperimentare rendimenti superiori o inferiori e dovranno farsi carico dei costi e delle commissioni che ne ridurranno il rendimento.

Contattaci

Scopri le opportunità d’investimento su misura per te. Siamo qui per aiutarti a raggiungere i tuoi obiettivi d’investimento.

Fonte: Credit Suisse, se non altrimenti specificato.
Se non diversamente specificato, le illustrazioni fornite nel presente documento sono state allestite da Credit Suisse Group AG e/o delle sue affiliate con la massima cura e secondo scienza e coscienza.

Il presente materiale costituisce materiale di marketing di Credit Suisse Group AG e/o delle sue affiliate (di seguito “CS”) e fornisce informazioni su una strategia. Il presente materiale non costituisce né è parte di un’offerta o un invito a emettere o vendere, né una sollecitazione o un’offerta a sottoscrivere o acquistare titoli o altri strumenti finanziari né a effettuare operazioni finanziarie, né intende indurre o incoraggiare la sottoscrizione di un prodotto, un'offerta o un investimento.  Nessuna parte del presente materiale costituisce una ricerca d’investimento o una consulenza d’investimento e non può essere considerato affidabile in tal senso. Il presente materiale non è redatto in base alle circostanze individuali né costituisce una raccomandazione personale.  Le informazioni e le opinioni contenute nel presente documento sono quelle di CS al momento della redazione e possono cambiare in qualsiasi momento senza preavviso. Esse sono state ricavate da fonti ritenute attendibili. CS non fornisce alcuna garanzia circa il contenuto e la completezza delle informazioni e, dove legalmente consentito, declina qualsiasi responsabilità per eventuali perdite connesse all'uso delle stesse. Salvo indicazioni contrarie, tutti i dati non sono certificati. Le informazioni fornite nel presente documento sono a uso esclusivo del destinatario. Le informazioni fornite nel presente materiale possono cambiare successivamente alla data del materiale senza preavviso e CS non ha alcun obbligo di aggiornare le informazioni. Il presente materiale può contenere informazioni che sono concesse in licenza e/o protette dai diritti di proprietà intellettuale del concessore dell’autorizzazione e dei titolari del diritto di proprietà. Nulla in questo materiale deve essere interpretato in modo da imporre qualsiasi responsabilità ai concessori dell’autorizzazione o ai titolari del diritto di proprietà. La copia non autorizzata delle informazioni relative al concessore dell’autorizzazione o ai titolari del diritto di proprietà è severamente vietata. Il presente materiale non può essere inoltrato o distribuito ad altre persone e non può essere riprodotto. Qualsiasi inoltro, distribuzione o riproduzione non è autorizzato e può comportare una violazione del Securities Act statunitense del 1933 e successive modifiche (il “Securities Act”). Possono inoltre sussistere conflitti di interessi relativamente all’investimento. In relazione alla fornitura di servizi, Credit Suisse AG e/o società ad essa collegate possono effettuare pagamenti a terzi o ricevere pagamenti da terzi come parte della propria retribuzione o altrimenti come compenso una tantum o ricorrente (ad esempio commissioni di emissione, provvigioni di collocamento o di gestione).  Prima di qualsiasi decisione d’investimento, si invitano i potenziali investitori a valutare in maniera indipendente e accurata (insieme ai loro consulenti fiscali, legali e finanziari) gli specifici rischi descritti nella documentazione disponibile unitamente alle conseguenze giuridiche, normative, creditizie, fiscali e contabili applicabili.
Copyright © 2022 CREDIT SUISSE. Tutti i diritti riservati.

Distributore: Credit Suisse (Italia) S.p.A., via Santa Margherita 3, 20121 Milano, Italia, csam@credit-suisse.com, credit-suisse.com/it