Contatto

Menu

Articolo

I modelli scientifici confermano: le infrastrutture di ricarica elettrica sono un’urgenza

Nello specifico due sono gli aspetti che prima di tutti potrebbero generare sbilanciamenti di rete e mettere in crisi l’intero apparato di produzione e stoccaggio: da un lato la gestione dei flussi di energia su una scala troppo locale, e dall’altro l’imprevedibile evoluzione delle ricariche domestiche.

14 ottobre 2022

Nello specifico due sono gli aspetti che prima di tutti potrebbero generare sbilanciamenti di rete e mettere in crisi l’intero apparato di produzione e stoccaggio: da un lato la gestione dei flussi di energia su una scala troppo locale, anziché a livello nazionale o continentale, e dall’altro l’imprevedibile evoluzione delle ricariche domestiche, che potrebbero nel giro di qualche anno arrivare a rappresentare una quota molto elevata dei consumi complessivi di energia. Ciò non significa che siamo davvero di fronte a un rischio blackout, ma che gli squilibri nella gestione energetica potrebbero determinare fluttuazioni vertiginose dei prezzi e costringere a ricorrere a combustibili fossili d’emergenza per colmare eventuali gap. Il che significherebbe, da un punto di vista ambientale, rendere vani tutti gli sforzi di decarbonizzazione e sostenibilità che il mondo automotive sta introducendo.

Ma che significa, in termini pratici, l’urgenza di cui Nature parla? 

Stando alle valutazioni degli scienziati, l’orizzonte temporale che abbiamo a disposizione per un potenziamento significativo delle infrastrutture è dell’ordine di un decennio: da metà anni Venti a metà anni Trenta, insomma, si giocherà il grosso della partita sul fronte dell’ammodernamento e del riadeguamento dell’ossatura elettrica di molti paesi nel mondo.

Infrastrutture: Le fon­da­men­ta della pro­spe­ri­tà

Ponti, turbine eoliche, reti elettriche, torri per telecomunicazioni, mezzi e attrezzature di trasporto: le infrastrutture sono il motore dell’economia globale.
 

I veicoli elettrici hanno la potenzialità di contribuire in modo significativo alla riduzione delle emissioni climalteranti in tutto il mondo, ma il processo di ricarica dei veicoli stessi – soprattutto quando diventeranno numericamente molti più di adesso – potrebbe mettere in difficoltà l’attuale infrastruttura della rete elettrica, persino nelle aree del mondo più tecnologicamente avanzate come Europa e Stati Uniti.

A dare conferma della necessità di sviluppare e dare maggiore solidità alla rete di distribuzione è stata anche la comunità scientifica, con una ricerca ad hoc pubblicata a settembre nella sezione Energy della prestigiosa rivista Nature. Un team composto da scienziati dei principali centri di ricerca californiani, infatti, ha messo a punto e presentato un modello simulato che tiene conto della più probabile evoluzione futura della richiesta di energia e della domanda di connessione alla rete

Il risultato è il seguente: 

  • l’implementazione dell'infrastruttura elettrica è emersa come il fattore più critico che farà da collo di bottiglia nel caso (auspicato da tutti) in cui l’adozione di veicoli elettrici si faccia sempre più rapida. 
  • Secondo le stime ricavate dal gruppo di lavoro, nel 2035 la domanda netta di elettricità nei momenti di picco aumenterà almeno del 25% rispetto ai valori odierni, e nello scenario più ottimista – ossia di elettrificazione accelerata – si potrebbe arrivare perfino a un +50%.

Rischi potenziali del fondo

Il profilo di rischio e di rendimento del Fondo non riflette il rischio insito in circostanze future diverse da quelle con cui il Fondo è stato recentemente confrontato. Ciò comprende i seguenti eventi che, seppur rari, possono produrre conseguenze di ampia portata.

  • Rischio di liquidità: le attività non possono necessariamente essere vendute a un costo limitato in un arco di tempo ragionevolmente breve. Gli investimenti del Fondo sono esposti a scarsa liquidità. Il Fondo si attiverà per attenuare questo rischio con varie misure.
  • Rischio di controparte: il fallimento o l’insolvenza delle controparti dei derivati del Fondo potrebbero provocare il mancato pagamento o la mancata consegna. · Rischio operativo: processi mal funzionanti, guasti tecnici o avvenimenti catastrofici potrebbero causare perdite.
  • Rischi politici e legali: gli investimenti sono esposti a modifiche della normativa e degli standard applicati da un particolare paese, fra cui restrizioni alla convertibilità della valuta, introduzione di imposte oppure di controlli sulle transazioni, limitazioni dei diritti di proprietà o altri rischi legali.
  • Rischi di sostenibilità: I rischi di sostenibilità sono eventi o condizioni ambientali, sociali o di governance che possono avere effetti negativi rilevanti sul rendimento, a seconda del settore, dell’industria e dell’esposizione dell’azienda. Per gli obiettivi d’investimento, i rischi, le spese e gli oneri nonché per informazioni più complete sul prodotto si rimanda al prospetto (o al documento d’offerta pertinente), che deve essere letto attentamente prima dell’investimento.

La documentazione completa d’offerta, comprendente informazioni complete sui rischi, può essere ottenuta gratuitamente facendone richiesta ad un rappresentante Credit Suisse o, se disponibile, tramite Fundsearch (credit-suisse.com/fundsearch). L’investimento promosso nel presente materiale di marketing riguarda l’acquisto di unità o azioni in un fondo e non di attivi sottostanti. Gli attivi sottostanti sono di proprietà esclusiva del fondo.

Disclaimer

Il presente materiale costituisce materiale di marketing di Credit Suisse Group AG e/o delle sue affiliate (di seguito “CS”).
Il presente materiale non costituisce né è parte di un’offerta o un invito a emettere o vendere, né una sollecitazione o un’offerta a sottoscrivere o acquistare titoli o altri strumenti finanziari né a effettuare operazioni finanziarie, né intende indurre o incoraggiare la sottoscrizione di un prodotto, un'offerta o un investimento. Questo materiale di marketing non costituisce un documento contrattualmente vincolante né un documento informativo richiesto da disposizioni legislative. Nessuna parte del presente materiale costituisce una ricerca d’investimento o una consulenza d’investimento e non può essere considerato affidabile in tal senso. Il presente materiale non è redatto in base alle circostanze individuali né costituisce una raccomandazione personale e non è sufficiente per prendere una decisione d’investimento. Le informazioni e le opinioni contenute nel presente documento sono quelle di CS al momento della redazione e possono cambiare in qualsiasi momento senza preavviso. Esse sono state ricavate da fonti ritenute attendibili. CS non fornisce alcuna garanzia circa il contenuto e la completezza delle informazioni e, dove legalmente consentito, declina qualsiasi responsabilità per eventuali perdite connesse all'uso delle stesse. Salvo indicazioni contrarie, tutti i dati non sono certificati. Le informazioni fornite nel presente documento sono a uso esclusivo del destinatario. Le informazioni fornite nel presente materiale possono cambiare successivamente alla data del materiale senza preavviso e CS non ha alcun obbligo di aggiornare le informazioni. Il presente materiale può contenere informazioni che sono concesse in licenza e/o protette dai diritti di proprietà intellettuale del concessore dell’autorizzazione e dei titolari del diritto di proprietà. Nulla in questo materiale deve essere interpretato in modo da imporre qualsiasi responsabilità ai concessori dell’autorizzazione o ai titolari del diritto di proprietà. La copia non autorizzata delle informazioni relative al concessore dell’autorizzazione o ai titolari del diritto di proprietà è severamente vietata. Possono inoltre sussistere conflitti di interessi relativamente all’investimento.
In relazione alla fornitura di servizi, Credit Suisse AG e/o società ad essa collegate possono effettuare pagamenti a terzi o ricevere pagamenti da terzi come parte della propria retribuzione o altrimenti come compenso una tantum o ricorrente (ad esempio commissioni di emissione, provvigioni di collocamento o di gestione). Prima di qualsiasi decisione d’investimento, si invitano i potenziali investitori a valutare in maniera indipendente e accurata (insieme ai loro consulenti fiscali, legali e finanziari) gli specifici rischi descritti nella documentazione disponibile unitamente alle conseguenze giuridiche, normative, creditizie, fiscali e contabili applicabili.

Copyright © 2022 CREDIT SUISSE GROUP AG e/o sue affiliate. Tutti i diritti riservati.

Distributore:
CREDIT SUISSE (ITALY) S.P.A.
Via Santa Margherita, 3
20121 Milano, Italy
csam@credit-suisse.com
www.credit-suisse.com/it